Capitolo 30

Raggiungi gli obiettivi in 7 fasi

 

La ragione principale per cui la gente non ottiene ciò che vuole e che non sa che cosa vuole.”
T. Harv Eker

 

Brian Tracy è un business coach canadese di grande carisma e successo e uomo di grande esperienza imprenditoriale. È stato consulente manageriale, investitore immobiliare e in vari settori commerciali, ma soprattutto insegnante e scrittore. Nei suoi libri insegna e aiuta le persone a focalizzare la propria vita sugli obiettivi davvero importanti da raggiungere, dispensando consigli e metodi. Ai suoi seminari, che ciclicamente organizza con grande successo, hanno partecipato oltre 400.000 persone provenienti dai più svariati settori.

Capacità comunicative, grande conoscenza di materie come la psicologia, l’economia, la pedagogia e la filosofia, i suoi libri sono stati tradotti in molte lingue e sono venduti in tutto il mondo.

Da un passato burrascoso fatto di ristrettezze economiche, problemi familiari e piccoli lavoretti manuali per sbarcare il lunario, Brian Tracy trova la forza in se stesso per emergere da quella situazione di precarietà. Inizia così a scalare la piramide sociale fino a diventare un venditore di successo, poi motivatore personale fino a raggiungere una fama internazionale.

L’insegnamento più importante che ci trasmette Brian Tracy è che chiunque può avere successo in ambito professionale e raggiungere gli obiettivi prefissati, anche se si parte da una condizione di precarietà e non si appartiene a classi sociali agiate. Questo può avvenire, però, solo seguendo un metodo preciso, quello che lui insegna ai suoi studenti attraverso i suoi libri e i suoi seminari.

La meta da raggiungere
Se analizziamo la vita delle persone di successo, notiamo che hanno quasi tutte un elemento in comune: sanno dove vogliono arrivare e hanno degli obiettivi molto precisi.

Se sei ambizioso non puoi vivere alla giornata senza un piano e una meta da raggiungere, non approderesti da nessuna parte, con il rischio di sprecare tempo ed energie. Avere, invece, un sogno da realizzare, un progetto preciso da concretizzare lavorandoci ogni giorno con impegno, ci può condurre al successo professionale e personale che tanto desideriamo.

La frase chiave, dunque, è: avere degli obiettivi, un assunto semplice, già conosciuto dalla psicologia da molti anni.

Questa metodologia è applicata in molti campi della vita dell’uomo, anche a quella di coppia, in cui viene consigliato ai partner di avere sempre degli obiettivi comuni da perseguire, per lavorare insieme e raggiungerli. Questo - dicono gli psicologi - evita le crisi, fa crescere e consolida le relazioni.

Dunque, nulla di nuovo e nulla di estremamente complicato, eppure non applicato da molti, soprattutto dai più giovani che necessiterebbero di acquisire questo metodo già dall’età dell’adolescenza, per stabilire i propri obiettivi e costruirsi un futuro solido.

Gestire i propri obiettivi
Un aiuto concreto, per comprendere qual è il traguardo che s’intende raggiungere, può avvenire attraverso la scrittura. Avere un diario ci aiuta a comunicare con noi stessi e aiuta il subconscio a tirare fuori desideri nascosti o inespressi. In secondo luogo, aiuta a fare chiarezza e a non deviare dal percorso che si vuol seguire. Un quaderno personale aiuta la nostra volontà a essere monitorata e incanalata continuamente verso la giusta direzione. Scrivendo ci si accorgerà di avere tante idee e di riuscire a selezionare quelle coerenti con gli obiettivi che vogliamo raggiungere.

Obiettivo in 7 fasi
Secondo Brian Tracy ci sono 7 precisi fasi che ci aiutano a definire i nostri obiettivi. Nelle pagine che seguiranno, le analizzeremo in profondità, dando anche un metodo esatto per raggiungere il successo.

Le 7 fasi sono:

1. Stabilire con chiarezza l’obiettivo;
2. Porsi delle scadenze;
3. Elaborare un piano di lavoro per iscritto;
4. Stabilire delle priorità;
5. Rimuovere tutti gli ostacoli;
6. È il momento di agire;
7. Avvicinarsi ogni giorno alla meta.

Vediamoli in dettaglio.

1. Stabilire con chiarezza l’obiettivo
Nella fase iniziale del nostro percorso, stabilire lo scopo che si vuole raggiungere in una determinata area della propria vita, è il punto da cui partire. È necessario scandagliare la propria volontà, le attitudini, le inclinazioni e i sogni che abbiamo per far emergere il percorso che vogliamo intraprendere e la destinazione che intendiamo raggiungere. Questo significa che dobbiamo stabilire, con assoluta chiarezza, il fine da perseguire per trasformare l’idea in un progetto concreto, in un piano tangibile da attuare. Che si tratti di un obiettivo professionale o personale, ciò che conta è l’individuazione precisa del punto in cui si vuole arrivare. Devi fissare l’obiettivo e metterlo per iscritto cercando di essere il più possibile preciso.

2. Porsi delle scadenze
L’obiettivo deve avere una data entro la quale vogliamo che venga raggiunto. La data è importante da un punto di vista psicologico, perché motiva l’impegno continuo e incoraggia ad andare avanti anche di fronte a piccoli cali di entusiasmo. Inoltre, ogni scadenza rispettata è una vittoria che ci stimola di più ad andare avanti e a impegnarci. È ovvio che alcuni obiettivi non possono essere raggiunti immediatamente, ma hanno bisogno di una pianificazione a lungo termine. A questo fine, è utile stabilire piccoli step con micro scadenze entro le quali devono essere raggiunti gli obiettivi minori e intermedi, sino alla grande scadenza finale che coinciderà con il perseguimento dell’obiettivo principale. Questo ci permetterà di verificare se il nostro lavoro procede secondo i piani prestabiliti, secondo una tabella di marcia preventivamente pianificata.

3. Elaborare un piano di lavoro per iscritto
La terza fase è molto importante ed è il fulcro di molti seminari di Brian Tracy. Egli sostiene che è necessario elaborare e mettere per iscritto un vero e proprio piano di lavoro su cui investire tutte le proprie energie.

Mettere per iscritto un programma ci permette di avere le idee chiare sui risultati da raggiungere e, rileggendolo continuamente, possiamo correggerlo, perfezionarlo e renderlo più preciso.

Sulla base della sua lunga esperienza, Tracy sostiene che coloro che elaborano e mettono per iscritto un preciso piano di lavoro, riescono a raggiungerlo con maggior probabilità.

Il piano di lavoro non è statico, ma può subire aggiornamenti e variazioni. Così come la vita è in continuo movimento ed evoluzione, così il nostro piano potrebbe subire revisioni e cambiamenti.

Questa tecnica ha rivoluzionato molte branche dell’economia imprenditoriale, gestionale e manageriale. In molti settori economici e bancari, ad esempio, per accedere a programmi e agevolazioni, è richiesto alle aziende un piano preciso delle attività che si intendono svolgere, con date e obiettivi da perseguire.

4. Stabilire delle priorità
Il problema principale di molti uomini d’affari è la dispersione di energie, ovvero la tendenza a dedicare il proprio tempo a svariate attività, a volte futili e a volte di importanza secondaria. Questo comporta, purtroppo, una perdita di focalizzazione sull’obiettivo principale, fino a essere trascurato o a metterlo in secondo piano. È necessario, dunque, stabilire delle priorità. La soluzione è scrivere un elenco di cose da fare, dalla più importante a quelle secondarie.

Tracy consiglia di ricorrere al principio di Pareto, secondo cui sono sufficienti il 20% delle attività che svolgiamo per raggiungere l’80% dei risultati. Questo assunto ci aiuta a comprendere l’importanza di fissare le priorità secondo uno schema ben chiaro, diviso in punti, in cui ogni voce ha un raggio temporale entro il quale deve essere realizzato.

Diamo quindi priorità alle cose importanti, perché sono le questioni che davvero contano a farci arrivare più in fretta all’obiettivo.


5. Rimuovere tutti gli ostacoli

È fisiologico: in ogni progetto emergono quasi sempre ostacoli che ci bloccano, che ci rallentano o che limitano il normale decorso del nostro lavoro. È di fondamentale importanza rimuovere tutti gli ostacoli che si presentano. Potrebbe essere un collega o un amico con il quale non riusciamo a collaborare, un partner che ci contrasta (purtroppo molto comune), una competenza professionale che riteniamo di non avere, una caratteristica personale di cui siamo manchevoli, distrazioni sul lavoro che assorbono energie o qualsiasi elemento che potrebbe rallentare la nostra corsa verso la meta.

Le difficoltà e gli ostacoli possono anche avere un significato pedagogico, perché spesso fanno emergere la nostra voglia di raggiungere l’obiettivo, tirando fuori la forza interiore che esiste in ciascuno di noi e la capacità di reagire e affrontare le difficoltà. Il consiglio generale, dunque, è quello di rimuovere senza esitazione tutti gli ostacoli che si frappongono tra te e i tuoi obiettivi.

6. È il momento di agire
Ora che hai ideato, pianificato, scadenzando e messo per iscritto ogni step e fase, è il momento di iniziare. Non tentennare e non esitare. Sai cosa devi fare e l’importante è girare la chiave per accendere i motori e partire!

Raggiungere i nostri obiettivi potrà condurci al successo, ma dietro questo c’è un premio ancora più grande perché solo se riusciamo a realizzare ciò che vogliamo e desideriamo possiamo trovare la felicità. Non vi è nulla di più deprimente che lavorare ogni giorno su qualcosa che non piace o che non si ama fare.

7. Avvicinarsi ogni giorno alla meta
È di fondamentale importanza lavorare ogni giorno per perseguire l’obiettivo, anche facendo piccoli passi ma in maniera costante e continuativa. Una volta iniziato il processo, bisogna persistere con tenacia e ostinazione. La caparbietà e i piccoli successi ci consentiranno di dare sempre nuovo fervore all’entusiasmo iniziale, accrescendo le nostre speranze, come si fa con una pianta alla quale si dà acqua ogni giorno e con pazienza la si lascia crescere.

Definisci il tuo obiettivo e lavoraci su finché non lo raggiungi” sosteneva Napoleon Hill.

In conclusione...
Brian Tracy ci invita a impegnarci a fare piccoli passi in avanti tutti i giorni. Ci consiglia anche di mettere per iscritto ogni piccola vittoria che venga raggiunta. Scrivere i propri risultati aiuta a motivarci e a fare sempre meglio, così come scrivere i propri fallimenti aiuta a non incorrere negli stessi errori.

Scrivere, in generale, aiuta sempre a perseguire gli obiettivi prefissati, a raggiungere lo scopo tenendo costantemente sotto controllo i passi fatti in avanti.

È importante scriversi il piano di lavoro e gli obiettivi da raggiungere ogni giorno e la sera verificare che tutto sia andato secondo i piani. Ogni businessman dovrebbe avere un taccuino su cui segnare gli obiettivi della giornata, e spuntarli man mano che vengono raggiunti. In questo modo si ha una situazione chiara delle azioni da fare, impegnandosi al massimo, senza distrazioni.

Questa è la strategia che Brian Tracy ci suggerisce per raggiungere il successo e la gratificazione professionale, ma anche per conseguire i nostri obiettivi di natura personale.

Questo è lo schema che ci consiglia di usare in ogni situazione in cui vogliamo assegnarci degli obiettivi e attivarci per raggiungerli, con impegno e perseveranza.

Queste sono le buone regole che Brian Tracy insegna ai suoi studenti.

Non ti resta che sperimentarle e applicarle.

Buon cammino!

 

 

Indice del libro

 

Whatsapp